ITALIAN TASTE all’Istitut Paul Bocuse

 "Il Made in Italy è un concetto molto apprezzato all’estero, che spesso viene collegato all’idea di qualità, senza però una vera e propria percezione delle caratteristiche dei veri prodotti italiani e delle peculiarità che li contraddistinguono dalle imitazioni". È quello che ha affermato Veronica Filippi, responsabile relazioni internazionali di ALMA, la prestigiosa Scuola Internazionale di Cucina Italiana fondata da Gualtiero Marchesi, agli studenti dell’Institut Paul Bocuse, la piu’ famosa scuola di cucina al mondo,  presenti alla masterclass dedicata all’ "Italian Taste".

Il coinvolgimento degli chefs di ALMA Paolo Lopriore e Matteo Berti e dell’Istitut Paul Bocuse, è molto importante per poter trasmettere nella capitale francese della gastonomia quel patrimonio collettivo di prodotti agroalimentari italiani, tutelati dalle norme europee e frutto della tradizione e cultura italiana. 

"Difendere la tipicità dei nostri prodotti da contraffazioni facendone conoscere la loro storia ed evoluzione è molto importante", sottolinea lo chef Matteo Berti che è anche Direttore Didattico di ALMA. 

I vantaggi del prodotto autentico italiano e del prezioso legame tra il cibo e i territori di provenienza sono tantissimi, perciò la presenza a Lione di Alma protagonista indiscussa dell’evento "Italian Taste” all’Istitut Paul Bocuse di Lione, è servita a raccontare ai tanti futuri chef francesi ed internazionali presenti alla masterclass non solo la storia dei veri prodotti italiani ma soprattutto a comunicarne loro i profumi, i sentori, la raffinatezza, l’eleganza e la consapevolezza di gustare prodotti unici nel suo genere in grado di trasferire al consumatore tutto il patrimonio di valori, materiali e immateriali, che sta alla base del loro processo di produzione.

"Vi sono prodotti le cui confezioni piene di richiami all’Italia possono anche gratificare gli occhi, ma in realtà non hanno alcun legame con la storia del nostro territorio e la visione di chi lo ha prodotto" dice Mirco Iadarola,  Segretario generale della Camera di Commercio Italiana di Lione, che aggiunge " sempre più prodotti italiani sono oggetto d’imitazione da parte di produttori con pochi scrupoli. Si tratta del cosiddetto fenomeno dell’"Italian Sounding", cioé l’utilizzo di un’immagine del prodotto tesa a far credere ad una origine italiana che in realtà non esiste, traendo cosi’ in inganno i consumatori francesi. Per questo la promozione all’estero attraverso attività come le masterclass e la degustazione dei veri prodotti italiani é un’arma molto efficace ".
 


File Allegati: